Legno OK, Aranova Case in Legno

L'Unione europea vieta l'immissione di legno e prodotti derivati di origine illegale sul mercato comunitario.

“Le foreste sono fonte di numerosi benefici ambientali, economici e sociali, tra cui la produzione di legno e di prodotti forestali non legnosi e l'offerta di servizi ambientali essenziali per l'umanità, quali la conservazione della biodiversità e delle funzioni ecosistemiche, nonché la tutela del sistema climatico”.

È questo l'assunto alla base del Regolamento (UE) del Parlamento Europeo e del Consiglio n. 995/2010, rivolto ai soggetti che commercializzano legno e prodotti derivati nella UE. Il Regolamento (UE) n. 995/2010 e la successiva legislazione secondaria sono anche denominati, per brevità, EUTR (European Timber Regulation) o, in Italia, “Regolamento sulla due diligence” o “Regolamento Legno”.

Dal 3 marzo 2013 il Regolamento è entrato in pieno regime di applicazione in tutti i 28 stati membri dell'Unione Europea con l'obbiettivo, attraverso l'adozione di sistemi di due diligence, di innalzare il livello di legalità del mercato comunitario di legno e prodotti da esso derivati. L'obbligo di adottare misure e procedure atte a rendere trascurabile il rischio che il legno commercializzato nell'UE sia di origine illegale (due diligence) è in capo ai soggetti che il Regolamento qualifica “Operatori”, vale a dire coloro che immettono per la prima volta legno o prodotti derivati (compresa carta e pasta di carta) sul mercato comunitario (importatori da paesi extra-UE, imprese boschive, ecc.).

Aranova Case in Legno con la certificazione di Conlegno fin da subito ha fatto propria la sfida dell'EUTR: contrastare la deforestazione e promuovere il mercato di legno e derivati di origine legale che non danneggiano l'ambiente e le condizioni socio-economiche dei Paesi esportatori.